L’estate con le sue notti brevi e chiare è il periodo perfetto per andare alla scoperta di Umeå, la capitale europea della cultura 2014, situata su un’insenatura del Golfo di Botnia, 650 km a nord di Stoccolma e 400 km a sud del Circolo Polare Artico.
Numerosi festival, eventi e progetti hanno luogo durante tutto l’anno di cultura, oltre all’inaugurazione di nuovi musei e luoghi di ritrovo culturali.

Tra gli eventi più interessanti troviamo la magnifica rappresentazione all’aperto dell’Elektra di Richard Strauss, diretta e messa in scena dalla catalana Fura dels Baus (16-23/8), A Choral Midsummer Light’s Dream, festival coristico internazionale (17-21/6), UxU nuovo festival musicale, festival realizzato col metodo del crowdfunding (18-19/7), La musica folk occupa la città, una settimana dedicata alla musica folk e canzoni tradizionali in giro per la città (4-10/8) e Festival del Nuovo Circo con i migliori e più incredibili artisti contemporanei di circo e di strada (29/8-7/9).
Ulteriori eventi e il calendario completo su www.umea2014.se/en/

Ecco i nostri dieci suggerimenti per un soggiorno a Umeå 2014
1. Museo del Västerbotten: Questo interessante museo comprende una parte con esposizioni dedicate alla storia della cultura dei sami e della regione e una parte all’aperto con edifici provenienti da tutta la regione, compreso le abitazioni sami, dove si svolgono attività culturali durante i mesi estivi. Da quest’anno il museo ospita anche il nuovissimo centro Sune Jonsson per fotografia documentaria.

Foto: umea2014.se

2. Bildmuseet - Museo dell’Immagine:
Gli amanti dell’arte contemporanea e della fotografia non possono perdersi questo museo con 7 piani di arte contemporanea, fotografia, architettura e design, inaugurato nel 2012, che fa parte dell’Art Campus dell’Università di Umeå.

3. Il parco delle sculture Umedalen con la Galleria Andersson/Sandström: Il pluripremiato parco delle sculture, appena fuori dal centro di Umeå, comprende una quarantina di opere realizzate da importanti artisti svedesi e internazionali come Jaume Plensa e Louise Bourgeois. È aperto tutto l’anno a ingresso gratuito. La galleria ospita esposizioni di artisti contemporanei, sia nomi noti che emergenti.



4. L’arcipelago di Umeå: Escursioni in giornata alle meravigliose isole Holmön e Norrbyskär: camminate nella natura, visite ai musei locali, noleggio bici e kayak, safari alle foche o semplicemente relax in riva al mare. Dal 25 al 27 luglio il Visfestival, uno dei festival della canzone tradizionale più ricchi della Scandinavia, si svolge a Holmön .


5. Guitars - The Museum: Questo nuovissimo museo ha una delle più belle collezioni vintage private al mondo con oltre 500 pezzi tra chitarre e bassi elettrici (collezionate nell’arco di 40 anni dai fratelli Samuel e Michael Åhden, originari di Umeå). Inoltre contiene lo spazio live Scharinska, un negozio di musica, uno studio di registrazione, uno studio fotografico e un ristorante.


6. La cultura sami : Un’escursione a piedi attraverso la foresta nei dintorni di Umeå insieme alla guida sami Jesper fino alla sua tipica teipee “kåta” dove, seduti attorno al fuoco assaporando un pranzo a base di renna, racconta la vita dei sami nel passato e nel presente.

Foto: umea2014.se

7. Olofsfors Bruk Fondata nel 1762 è una delle vecchie ferriere più autentiche e meglio conservate del Paese - solo pochi luoghi in Svezia possono vantare un ambiente così intatto. Fonderia, fucine, palazzo nobiliare e abitazioni sono aperti tutto l’anno per visite guidate. Nei mesi estivi la struttura è aperta tutti i giorni e ospita le botteghe di diversi artisti e artigiani, un ristorante, caffè e negozio. Olofsfors si trova a sud di Umeå lungo E4.

8. Rafting nel fiume Vindelälven: Il fiume Vindelälven è uno dei pochi fiumi con alveo naturale rimasti in Svezia e in Europa. Si trova 55 km a nordovest di Umeå ed è perfetto per le avventure fluviali come rafting e riverboard in una delle migliori rapide in Europa, o anche per una passeggiata rilassante intorno al fiume e per una visita al Naturcentrum.

9. Gastronomia locale: Ben otto ristoranti a Umeå sono stati inseriti nell’importante guida gastronomica White Guide: Angelini, Bistro Le Garage, Invito, Rex, Socialize, Köksbaren, Kvarkenfisk e TeaterCaféet. Appena aperto: Gotthards krog nel nuovo storico hotel Stora hotellet. La maggior parte dei ristoranti della città usano materie prime locali come renna, alce, salmerino artico, caviale di coregone, mirtilli rossi, cantarelle e bacche artiche e il formaggio Västerbottenost tipico di questa zona.

10. Shopping: Umeå è la città dello shopping più trendy della Svezia settentrionale! Design, moda e artigianato – la città ospita molti designer e artigiani conosciuti e alcuni dei nomi più grandi della moda svedesi sono originari di qui, come Jonny Johansson di Acne, Helena Hörstedt, Sandra Backlund e Noir&Blanc. Negozi da non perdere: Kii – moda, Designbutiken – design, Bravo – prodotti da 15 designer locali , Handelsgården – artigianato e food locale , Hemslöjden – artigianato locale, La-Di-Da – oggetti per la casa di materiale riciclati e fair trade, Carizma –moda , Tiger of Sweden – moda e Duå gourmetshop – food. Da non dimenticare alla fine il negozio di dischi più antico della Svezia, Burmans Musik, che si trova proprio a Umeå.

Inoltre:
Per i fan della triologia Millennium – sulle tracce di Stieg Larsson:
Stieg Larsson, il famoso autore della trilogia Millennium (Uomini che odiano le donne) è cresciuto a Umeå. Si può fare un tour da soli per andare alle sue tracce seguendo le indicazioni sulla pagina internet http://www.visitumea.se/en/stieg-larsson 

Dove dormire? Quattro proposte:
 Stora Hotellet: un edificio d’epoca appena ristrutturato e integrato con Väven, la nuova casa di cultura della città. L’hotel ha 82 camere e dentro l’hotel si trova il ristorante e bar Gotthards krog.

 Hotel Aveny: designhotel dove colori, forme e funzione diventano ambienti interessanti

 Comfort Hotel Winn: uno degli alberghi di design più recenti

 Un’alternativa low cost: L’ex prigione Gamla Fängelset del 1861 trasformata in un hotel nel 2008 con 23 camere singole, 2 camere con 4 letti e una camera doppia.



Come si arriva a Umeå: Ci sono 12 voli al giorno da Stoccolma con la SAS, la compagnia low cost Norwegian e Malmö Aviation (quest’ultima con partenze dal piccolo city airport di Bromma). Il volo da Stoccolma dura un’ora mentre in auto occorrono 7 ore. Per raggiungere Stoccolma dall’Italia ci sono voli non stop con la SAS da Milano, Roma e Bologna e da diverse città via Copenaghen, con Norwegian non stop da Roma tre volte alla settimana e con Ryanair ogni giorno da Milano (Bergamo) e da Roma (Ciampino) tre volte alla settimana.


Foto Umeå2014:
http://umea2014.se/en/about-umea2014/pressroom/
Info sull’anno di cultura: www.umea2014.se/en/
Info su Umeå : www.visitumea.se/en
Umeå in italiano
Ulteriori informazioni:
Karin Melin
PR manager VisitSweden
Karin.melin@visitsweden.com
Tel. 039-9903375, cell. 335-315054
Blog con pressroom: http://sveziamoci.it/
Twitter www.twitter.com/visitswedenit
Facebook www.facebook.com/VisitaSvezia
www.visitsweden.com

Foto: vassoio di Monica Förster, ICEHOTEL 

Sono passati esattamente vent’anni dalla prima produzione dei caratteristici bicchieri di ghiaccio originali dell’ICEHOTEL, fatti della stessa acqua ghiacciata del fiume Torneälv. Per festeggiare l’anniversario, il famoso albergo di Jukkasjärvi ha chiamato una delle designer svedesi più prestigiose, Monica Förster. Il risultato è questo splendido vassoio a edizione limitata, ispirato dalla regione artica svedese. Il vassoio è fatto a mano da sapienti artigiani di Jukkasjärvi che usano le betulle di Jukkasjärvi, quindi possiamo definirlo un prodotto a chilometro zero.

I bicchieri dell’ICEHOTEL sono stati uno dei primi esperimenti di design fuori dal regno dell’hotel e si ispirano ai parallelepipedi di ghiaccio che vengono tirati fuori dalle acque trasparenti del fiume Torneälv per costruire l’albergo. Il vassoio della Förster è pensato come accessorio per i particolari bicchieri e con l’ambizione di creare un oggetto di design per l’uso quotidiano con un chiaro legame all’icona di ghiaccio svedese.

Gli artigiani hanno usato gli stessi scalpelli che si usano per scolpire il ghiaccio, dando al vassoio una superficie che sembra riflettere la variabilità  della struttura del ghiaccio.  

Monica Förster è nata nel Nord della Svezia e ha lavorato a progetti per Alessi, Cappellini, Poltrona Frau e le svedesi Offecct e Swedese. Il suo design è caratterizzato dalla scelta inaspettata di materiali e tecniche innovative che riesce ad mettere insieme in modo sensuale.

Il vassoio è in vendita solo attraverso l’ICEHOTEL e presente in diverse sfumature.

 

soulofsweden:

carmenbass:

Yngve Bergqvist, the founder of Ice Hotel.
The Ice hotel (styled as ICEHOTEL) in the village of Jukkasjärvi, about 17 km from Kiruna, Sweden, erected each year from December to April, was the world’s first ice hotel. First opening in 1990.
The entire hotel is made out of snow and ice blocks taken from the Torne River - even the glasses in the bar are made of ice. Each spring, around March, Ice Hotel harvests tons of ice from the frozen Torne River and stores it in a nearby production hall with room for over 10,000tons of ice and 30,000 tons of snow. The ice is used for creating Ice bar designs and ice glasses, for ice sculpting classes, events and product launches all over the world while the snow is used for building a strong structure for the building. About 1,000 tons of what is left is used in the construction of the next Ice Hotel.
When the temperature drops and the snow guns start humming on the Torne River shore, usually in mid-November, the building process begins. The snow is sprayed on huge inverted catenaries shaped steel forms and allowed to freeze. After a couple of days, the forms are removed, leaving a maze of free-standing corridors of snow. In the corridors, dividing walls are built in order to create rooms and suites. Ice blocks are now being transported into the hotel where selected artists start creating the art and design of the perishable material. Ice Hotel in Jukkasjärvi opens in phases; the first phase opens in the beginning of December and for each week, another part of the hotel opens up for visitors and guests until the beginning of January when the entire construction is completed.
When completed, the hotel features a bar, church, main hall, reception area and rooms and suites for over 100 guests to sit and sleep on blocks of sculpted ice in the form of chairs and beds. There is also warm accommodation available next to the hotel. The Ice Hotel in Jukkasjärvi is known to be the biggest hotel of ice and snow in the world, spanning over some 6 000 m². Each suite is unique and the architecture of the hotel is changed each year, as it is rebuilt from scratch. Each year artists submit their ideas for suites and a jury selects about 50 artists to create the church, Absolut Ice bar, reception, main hall and suites. When spring comes, everything melts away and returns to the Torne River. The Ice Hotel only exists between December and April, and has been listed as one of the Seven Wonders of Sweden.

See the interior of the ice hotel with this video. Use below tag for posts of the hotel

Fine febbraio e marzo sono i mesi migliori per visitare la Lapponia svedese, quando le giornate cominciano a essere già più lunghe e il freddo non è più così pungente. Inoltre, quest’anno è insolitamente alta la probabilità di vedere l’aurora boreale in tutta l’area. Per coloro che vogliono visitare una zona non turistica la scelta giusta è la Lapponia meridionale, con capoluogo Skellefteå. Qui il turismo è ancora agli inizi e non ci si ritrova in mezzo a folle di grandi gruppi. Un breve fly & drive porta il visitatore dal Mar Baltico attraverso le vaste foreste fino ad Arjeplog, circondata dalle montagne e situata sulle rive del lago più profondo della Svezia. Oppure basta fermarsi nella zona di Skellefteå per attività sul mare ghiacciato e nella foresta innevata.

A solo un’ora di volo da Stoccolma comincia l’avventura:

Gita sul rompighiaccio: escursionesul mar Baltico a bordo della nave rompighiaccio Arctic Explorer a Piteå: passeggiata sul mare ghiacciato e per chi vuole la possibilità di galleggiare nel mare in tute speciali; partenza ogni sabato.

Safari all’alce: safari in motoslitta per avvistare le  maestosi alci molto frequenti in questa zona; partenza da Svanselea un’ora da Skellefteå. 

 

Soggiorno nel wilderness camp di Svansele nel pieno della foresta, senza elettricità nè acqua: cena a base di carne di alce e renna preparata al fuoco vivo in una delle capanne di legno,  sauna e bagno in tinozze di acqua calda all’aperto.

Guida su laghi e fiumi ghiacciati: chi vuole provare a guidare su ghiaccio ha diverse possibilità nella zona, sia a Svansele, ad Arvidsjaur e ad Arjeplog e in diversi tipi di auto.

Safari con cani husky: guidare una slitta trainata dai bellissimi e socievoli husky, dai tour di una sola ora alle avventure per un soggiorno settimanale tra i vari Wilderness Camp in mezzo alla foresta.

La cultura sami: incontri con la cultura dei sami, l’unico popolo indigeno dell’Europa al Båtsuoj Sami Center tra Arjeplog e Arvidsjaur; renne, storie e antiche leggende attorno al fuoco nella “kåtan”, la capanna tipica dei sami.

Gita con le ciaspole: 1-2 ore di camminata nel centro e nei dintorni di Skellefteå

Avvistamento dell’aquila reale: un’esperienza molto particolare per gli amanti degli animali; da un nascondiglio in legno in mezzo a una grande riserva naturale nella regione di Skellefteå si può studiare la maestosa aquila reale insieme con il fotografo naturalista Conny Lundström.

Un’avventura nella Lapponia svedese comporta anche un viaggio alla scoperta del gusto. Le molte materie prime naturali invitano il visitatore alle più diverse esperienze culinarie che saranno ancora più intense se fatte all’aperto, immersi nella magnifica natura.

Suovas: il famoso piatto slow food Suovas – renna salata e affumicata

Salmerino artico: nella zona di Arvidsjaur si trova il lago Abborrträsk e molti altri laghi dove vive il salmerino artico röding, un ottimo pesce d’acqua fredda, spesso pescato d’inverno. È ancora più buono se preparato alla griglia, all’aperto, durante un’escursione .

Pitepalt: piatto locale, una specie di grande gnocco, a base di patate, farina di grano e pancetta di maiale salata, servito con burro fuso e marmellata di mirtilli rossi.

Uova di coregone di Kalix (löjrom), questo caviale vanta una denominazione di origine protetta come la Champagne, con la sua area di distribuzione più meridionale che arriva a lambire il territorio a nord di Skellefteå.

Tunnbröd: pane sottile di farina di frumento e di segale, che può essere morbido o croccante, solitamente servito con burro, o con carne di renna, o formaggio.

 

Due ristoranti di alto livello gastronomico dove vivere le migliori esperienze gastronomiche:il ristorante Nygatan 57a Skellefteå la cui cucina è caratterizzata da tradizione e innovazione, e  Järnspisen Piteå a Piteå chepropone piatti di alta qualità a base di  prodotti locali biologici e a chilometro zero.   Poco a sud di Skellefteå, a Burträsk, si trova la zona di produzione del formaggio DOC Västerbotten, il parmigiano svedese. Possibilità di acquisti e degustazioni allo spaccio, Västerbottens besökscenter, e piccolo ristorante dove questo formaggio è l’ingrediente base di ogni piatto.

Come arrivare:

Volo SAS da Stoccolma a Skellefteå o con la Norwegian (low cost) da Stoccolma a Umeå (135 km a sud di Skellefteå) o a Luleå (135 km a nord di Skellefteå). Il tempo di volo dalla capitale: un’ora. La SAS raggiunge Stoccolma con voli non stop da Milano e Roma e via Copenaghen da diverse città italiane. Voli low cost a Stoccolma da Milano e Roma con Ryanair e da Roma con la Norwegian.

Tour operator italiani che organizzano pacchetti su richiesta nella zona di Skellefteå:

Chiariva: 02/80581032, info@chiariva.it

il Diamante: 011/2293265 terredelnord@ildiamante.com

Velatour: 02/32060109 800/969820

INFO:

www.lapponiasvedese.se   www.facebook.com/lapponiasvedese

http://www.destinationskelleftea.se/en/Destination

http://www.polcirkeln.nu/index-en.html

FOTO:

Foto ad alta risoluzione: scrivere a karin.melin@visitsweden.com

Foto: U x U Festival

I Concerti delle Stagioni
: In concomitanza con le aperture di stagione la NorrlandsOperan presenta sette progetti concertistici caratterizzati dall’elevata qualità artistica e da un tema specifico di notevole interesse:

11,16,18, 23/1: Beethoven & Beyond dell’Orchestra Sinfonica NorrlandsOperan.

27/2  Luce e tenebre – prima assoluta dell’opera “Luce e tenebre” di Mirjam Tally .

8-9/5 The Shape of Punk to Come - versione orchestrale eseguita dall’Orchestra Sinfonica di NorrlandsOperan di una versione ricomposta dell’album The Shape of Punk to Come dei Refused (la band hardcore dei Refused, originaria di Umeå, è stata attiva principalmente tra gli anni 1992-1998 e si è riunita in occasione di una serie di concerti in tutto il mondo nel corso del 2012).

18-19/6 Stadionmusik – Musica allo stadio: evento sportivo-musicale ideato da David Moss, che prevede la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica, diversi atleti olimpionici e giovanissimi ginnasti.

29/8 Graham Fitkin insieme con l’Orchestra Sinfonica.

23/10 Brano musicale per il festival del jazz: un omaggio al jazz scritto da un jazzista per l’Orchestra Sinfonica.

21/11 Héla Fattoumi e Eric Lamoureux, spettacolo di danza innovativo associato a musica dal vivo.

2/2 - 18/1 2015  Eight Sami Artists. Il Bildmuseet presenta otto artisti dalle radici sami in otto mostre diverse, una per ogni stagione. Gli artisti risiedono in Svezia, Finlandia e Norvegia e lavorano con molte forme diverse di espressione, tra cui pittura, scultura, fotografia e cinema, nonché installazioni e performance.

1-2/2  The Sami Chinese Dance Project. La compagnia di danza sino-sami TAO Dance Theater e il Norrlands Opera hanno dato vita a uno spettacolo di danza e musica in cui le due forme espressive si combinano in maniera interessante.

 

Foto: TAO Dance Theatre in Saxnäs, Vilhelmina

8, 11, 13 e 18/2 Eugen Onegin. Il baritono di fama mondiale Peter Mattei assume il ruolo del nobile Eugen Onegin nel classico diPëtr Il’ič Čajkovskij.

19-23 /2 Umefolk e il Galà di musica folk e world musicQuesto festival di musica folk è tra i maggiori e più antichi della Svezia.

26/2 - 12/3 Settimana sami. Il tema è Sápmi ieri, oggi e domani: dibattiti, concerti, mostre, cinema, spettacoli di teatro e danza, cibo e molto altro ancora.

13-15/3 Littfest. Il più grande festival della letteratura nel nord della Scandinavia.

24-29/3 Umeå Open. Il più grande festival rock indoor, con band internazionali a fianco di artisti locali, ed una serie di eventi correlati.

24-27/4 Spring Forward Festival. Festival annuale di danza con giovani ballerini e coreografi. Il festival è un’iniziativa della rete europea di danza Aerowaves.

7-10/5 MADEfestivalen. Annuale festival di arti performative della NorrlandsOperan e della città di Umeå, M A D E sta per musica, arte, danza, eccetera: si tratta di una piattaforma per l’espressione creativa, un luogo d’incontro in evoluzione continua per artisti di spicco internazionali, nazionali e locali.

2/3-18 /5 MADE in Sápmi. Mostra di artigianato sami con artigianato artistico, design e artigianato tradizionale al Museo del Västerbotten.

24/5 Umeå Kulturnatta - Notte bianca di Umeå. 10 ° anniversario, 150 eventi tutti gratuiti.

17-21/6 A Choral Midsummer Light’s Dream. Festival coristico internazionale di Umeå

19 - ?/7  UxU Nuovo festival musicale a Umeå. Festival realizzato col metodo del crowdfunding: il numero di adesioni ne determina la dimensione, gli artisti presenti e la durata.

25-27/7 Visfestival Holmön. Uno dei festival della canzone tradizionale più ricchi della Scandinavia,  si svolge su un’isola dell’arcipelago.

1-2 /8 Umeå Geocaching Culture Event 2014.  Caccia al tesoro con ricevitore GPS, le cui coordinate sono pubblicate su un sito web (in inglese). Le cache sono scelte e posizionate in base alle proposte culturali di Capitale della cultura.

4-10/8 La musica folk occupa la città. Una settimana dedicata alla musica folk e canzoni tradizionali in giro per la città.

14 -23 /8 Elektra. La più grande produzione dell’anno Capitale della Cultura 2014! Magnifica rappresentazione all’aperto dell’Elektra di Richard Strauss, diretta e messa in scena da uno dei più emozionanti collettivi del mondo dello spettacolo: la catalana Fura dels Baus. La messinscena dell’Elettra nell’ambito di Umeå2014 sarà la prima assoluta dell’opera in formato integrale all’aperto. Una manifestazione davvero unica in scala monumentale.

29/8-7/9 Festival del Nuovo Circo. Dieci giorni in compagnia dei migliori e più incredibili artisti contemporanei di circo e di strada provenienti da tutto il mondo.

20/9-19/10 Survival Kit. Un festival d’arte a tema che tratta la questione della sopravvivenza a vari livelli, sia sul piano globale che locale con una trentina di artisti provenienti dalla Svezia e da altri paesi. Avviato a Riga nel 2009, dal 2012 Survival Kit promuove uno scambio attivo tra la scena artistica di Riga e quella di Umeå.

10-25/10 Blanche o Marie. Una nuova opera basata sul romanzo di Per Olov Enquist “La storia di Blanche e Marie “, incentrata sulle grandi figure femminili premi Nobel Marie Curie e Blanche Wittman.

22-25/10 Umeå Jazz Festival. Uno dei più importanti festival di musica jazz della Scandinavia.

13-15/11 Man Must Dance. Ladanza estatica sami incontra quella degli indiani del Nord America in  un lavoro pionieristico in cui i ballerini provenienti da Norvegia, Polonia e Portogallo si avvalgono di nuove tecnologie e metodologie in una produzione multi-danza.

21/11 Héla Fattoumi e Eric Lamoureux, spettacolo di danza innovativo associato alla musica dal vivo: una collaborazione tra il dipartimento di danza del NorrlandsOperan, l’orchestra sinfonica della NorrlandsOperan, il Centre Chorégraphique de Caen/Basse - Normandie in Francia e i coreografi e direttori artistici Héla Fattoumi ed Eric Lamoureux.

Per ulteriori informazioni:
contattare Fredrik Lindegren, direttore artistico Umeå2014
fredrik.lindegren@umea2014.se

Il calendario completo del programma dell’anno della cultura

image

Foto: Umeå2014 - Dalvvie, illustrazione del programma della prima stagione

La città di Umeå, situata in un’insenatura del Golfo di Botnia, 650 km a nord di Stoccolma e 400 km a sud del Circolo Polare Artico, è stata designata Capitale Europea della Cultura 2014. La grande festa inaugurale si terrà nel weekend 31 gennaio-2 febbraio. Questa data coincide con l’inizio del Dálvvie,  la prima delle otto stagioni del calendario dei sami, unico popolo indigeno d’Europa, che cadenzerà il programma di tutto l’anno di Capitale Europea della Cultura.
Per tre giorni artisti internazionali e creativi locali trasformeranno la città di Umeå in un’arena spettacolare fatta di neve, ghiaccio, fuoco e luce scenario di eventi e manifestazioni:

Burning Snow - Neve incandescente: la cerimonia d’inaugurazione ufficiale dell’anno di Capitale della Cultura. Festival coreografico con luce, musica, canto e movimento presso il fiume Umeälven.

City of winter - Città d’inverno. Spettacolo di opere d’arte di neve, ghiaccio, fuoco e video. Umeå sarà travolta da eventi artistici e happening di co-creazione.

Lit City - Città accesa. Architetture ed eventi illuminati - e un raggio laser che attraversa tutta la città.

Sápmi Today- Sápmi oggi. La piazza centrale Rådhustorget diventerà un grande luogo di raduno dei sami, con calderoni fumanti e renne.

Soundscapes - Paesaggi sonori. Musicisti provenienti dal campo della musica elettronica compongono in chiave dub, techno e ambient il paesaggio musicale che infonderà il suo carattere al centro della città di Umeå.

Words Needed - Parole cercasi. La lingua trova nuove forme di espressione attraverso questa affascinante opera d’arte testuale in cui testi mobili vengono proiettati su pareti di neve.

Proprio perché Umeå sorge nel territorio di Sápmi, la terra dei sami e per rendere più manifesta l’importanza culturale di questo popolo, si è scelto di organizzare il programma annuale di Capitale Europea della Cultura in base al suo calendario, che è fatto non di quattro ma di otto stagioni (inizio della primavera, primavera, inizio dell’estate, estate, tarda estate, autunno, tardo autunno e inverno). Ogni stagione ha il suo carattere e le sue peculiarità che si rispecchieranno nelle attività previste nell’arco dell’anno di Capitale Europea della Cultura.

Durante il periodo è previsto lo svolgersi di circa 40 festival, 80 eventi, 100 progetti, oltre all’inaugurazione di nuovi musei e luoghi di ritrovo culturali.

image

Foto: Guitars - the Museum

Nel mese di febbraio si inaugura GUITARS – The Museum che, oltre a una delle più belle collezioni vintage private al mondo con oltre 500 pezzi tra chitarre e bassi elettrici (collezionate nell’arco di 40 anni dai fratelli Samuel e Michael Åhden, originari di Umeå), contiene lo spazio live Scharinska, un negozio di musica, uno studio di registrazione, uno studio fotografico e un ristorante. 

Nel corso dell’anno sarà completata presso il fiume Ume la costruzione di Väven, un quartiere creativo che sarà il nuovo fulcro di cultura trasversale con, tra gli altri centri,  la nuova Casa della cultura e il Museo di storia delle donne, con un profilo innovativo unico nel suo genere.

Perché Umeå è stata selezionata capitale della cultura?

Umeå è tra le città più progressiste e creative della Svezia, una città aperta che difende la diversità e che storicamente ha sempre messo la cultura e la partecipazione al centro del suo programma politico: la cultura è qui considerata una forza trainante per lo sviluppo regionale. Grazie all’istituzione dell’Università negli anni ‘60, la popolazione è aumentata da 40.000 a 118.000 abitanti, di cui la metà ha meno di 35 anni e 36.000 sono studenti iscritti all’Università. Umeå si distingue attualmente per essere una delle città a più rapida espansione in Europa. Di recente è stato realizzato un Campus Artistico, polo di istruzione e di arte davvero unico nel suo genere: Facoltà di Architettura, Istituto di Design, Istituto di Belle Arti e HUMlab – x (spazio di incontro, ricerca e sperimentazione d’avanguardia caratterizzato dall’incontro tra umanesimo, scienze, arte e tecnologia, in un contesto di notevole libertà creativa). Questi istituti offrono corsi di studio tutti di livello internazionale. Nella stessa area si trova ora anche lo spettacolare Bildmuseet - Museo dell’Immagine: 7 piani di arte contemporanea, fotografia, architettura e design.

 image

Foto: Bildmuseet, fotografo Henrik Olofsson

Umeå2014 utilizza il concetto di “crescita guidata dalla cultura” con l’intento di sottolineare che la cultura è un motore importante per la crescita e il successo. La convinzione di fondo è che la cultura, intesa nel suo senso più ampio che arriva a comprendere dalla natura al cibo fino all’arte e alla democrazia,  contribuisce ad incrementare l’imprenditorialità, l’occupazione e la competitività.

Umeå è anche tra le più importanti città della musica della Svezia con una scena musicale davvero notevole e diversi festival al suo attivo: operistica, hardcore, pop, punk, rock, blues, jazz e folk. Nel corso degli anni Novanta la città è diventata una sorta di metropoli mondiale in ambito hardcore e del movimento Straight Edge.

Nel 2013 Umeå ha invitato tutta l’Europa a partecipare alla progettazione di Umeå2014 in un modo che nessun’altra capitale della cultura aveva fatto in precedenza. È stato indetto un concorso creativo internazionale,  “Artists Caught by [Umeå]”, invitando tutti i creativi del mondo a interpretare la cultura di Umeå, della Svezia settentrionale e delle otto stagioni della cultura sami attraverso fotografia, filmati o design. Cinquecento i contributi ricevuti e tre i vincitori che saranno incoronati durante la cerimonia di apertura. È stato poi realizzato  un tour europeo, “Caught by [ Umeå ] “,  lo scorso autunno, per suscitare curiosità e interesse verso la città e per tutta l’area del nord della Svezia. Protagonisti di questo evento sono stati la gastronomia creativa del Nord, l’aurora boreale, il ghiaccio, le invenzioni degli studenti di design industriale, il territorio, i sami e i loro racconti e l’esposizione e la premiazione delle opere del concorso creativo sopracitato.

Attività e attrazioni a Umeå e dintorni

L’anno della cultura è il momento giusto per visitare Umeå e cogliere l’opportunità di esplorare  il magnifico paesaggio dei dintorni. Numerose le attività che si possono intraprendere tutto l’anno in aggiunta a quelle strettamente culturali. In inverno, per esempio si possono fare gite in slitta trainata da cani e in motoslitta, escursioni sugli sci con guida sami con sosta presso una capanna sami in mezzo alla foresta, trekking con i cavalli, ecc. D’estate visita a Älgens hus (primo parco di alci in Europa), rafting, safari all’alce e alla foca, escursioni in kayak nell’arcipelago alle porte di Umeå e tanto altro ancora. Il pluripremiato parco delle sculture Umedalen Sculpture Park, con una quarantina di opere realizzate da importanti artisti svedesi e internazionali è aperto tutto l’anno, così come il Museo del Västerbotten, con esposizioni dedicate alla storia della cultura dei sami e della regione, e anche il suo museo all’aperto Gammlia, con edifici provenienti da tutta la regione e attività culturali durante i mesi estivi.

Come si arriva a Umeå: Ci sono 12 voli al giorno da Stoccolma con SAS, la compagnia low cost Norwegian e Malmö Aviation (quest’ultima con partenze dal piccolo city airport di Bromma). Il volo da Stoccolma dura un’ora mentre in auto occorrono 7 ore. Per raggiungere Stoccolma dall’Italia ci sono voli non stop con la SAS da Milano, Roma e Bologna e da diverse città via Copenaghen; con Norwegian non stop da Roma tre volte alla settimana e con Ryanair ogni giorno da Milano (Bergamo) e da Roma (Ciampino) tre volte alla settimana.

 Foto Umeå2014:

https://umea2014.exigus.com/autologin/4765/f122c20bd394905833c69114bb60eae7

Info sull’anno di cultura: www.umea2014.se/en/

Info su Umeå :  www.visitumea.se/en

image


Foto: Christian Strömqvist, “Frozty Flower”, Artisti: Natsuki Saito & Shingo Saito

Il primo e più grande albergo di ghiaccio al mondo, L’ICEHOTEL di Jukkasjärvi nella Lapponia svedese, quest’anno misura 5.500 m2 e offre 65 camere tra art suites, ice rooms, snow rooms e northern light suites. La novità è una suite delux costruita in collaborazione con la casa automobilistica MINI Cooper and Designworks USA, grande 49 m2 con sauna e area di relax riscaldata! Un’altra novità è il balcone sul tetto per guardare l’aurora boreale e un cinema. E come ogni anno tornano l’Icebar e la chiesa, anche quella costruita di neve e ghiaccio, dove molte coppie ogni inverno si sposano o battezzano i propri figli.

Il periodo di costruzione dell’ICEHOTEL è tra ottobre e dicembre.  Ci vogliono circa otto settimane per completare la costruzione (e sei settimane di lavoro prima e dopo questo periodo). Vengono impiegate 1000 tonnellate di ghiaccio e circa 30000 m3 di “snice” (neve e ghiaccio: particelle di ghiaccio mischiato con aria) e l’impegno di 40 artisti da tutto il mondo.

Come si arriva: l’Icehotel si trova nel paesino di Jukkasjärvi sul fiume Torne a 15 minuti da Kiruna,  raggiungibile in 1 ora e mezza in aereo con la SAS da Stoccolma oppure da Copenaghen il giovedì e la domenica, o, da quest’anno, anche con la compagnia low cost Norwegian da Stoccolma.

Soggiorni organizzati da tour operator italiani:

Giver Viaggi, Velatour, Il Diamante, Overland viaggi

Info: http://www.icehotel.com/about-icehotel/press-media/

FOTO:

Foto dell’ICEHOTEL di quest’anno: https://dl.dropboxusercontent.com/u/42662217/ICEHOTEL-no24-Art-Suites-Photo_Christian_Stromqvist.zip

Altre fotohttp://images.icehotel.com
Username:media
Password: 1203_editorial

Non dimenticare di inserire i nomi sia dei fotografi sia degli artisti 

 Lola Akinmade Åkerström/imagebank.sweden.se

L’inverno 2013-2014 sarà uno dei migliori per osservare e fotografare lo straordinario spettacolo dell’ aurora boreale. Gli scienziati hanno scoperto che l’attività delle aurore è ciclica, con picchi ogni 11 anni, il prossimo dei quali si verificherà proprio nell’inverno a cavallo tra il 2013 e il 2014. L’aurora è visibile in molte località della Svezia del nord ma il luogo migliore in assoluto per vederla è l’Aurora Sky Station nel parco nazionale di Abisko vicino al confine norvegese, 200 km a nord del circolo polare. Le condizioni climatiche sono qui ideali essendo Abisko il luogo con l’aria più secca del Paese e praticamente privo inquinamento atmosferico e luminoso. L’osservatorio si raggiunge con una seggiovia che porta in cima al monte Nuolja ed è possibile fare una visita notturna con guida. Gli orari d’apertura dell’Aurora Sky Station sono: dal 1 dicembre al 30 marzo 2014, ore 21-01. Il prezzo per la visita senza pernottamento è di 695 sek (circa 78 euro). Ad Abisko si può dormire presso il Mountain station Abisko Turiststation,gestito da STF, il Touring club svedese, che offre attività diverse: sci di fondo, gite con cane di slitta, ice climbing, incontro con i sami e così via.

Come si arriva: Per arrivare ad Abisko si vola a Kiruna via Stoccolma -con la SAS o da quest’anno anche con la compagnia low cost Norwegian- e da lì si continua in bus o treno oppure noleggiando un’auto per 100 km direzione ovest.

Chi dorme una notte a Kiruna e sceglie lo Scandic hotel Ferrum avrà, grazie a un nuovo servizio, la possibilità di essere avvisato tramite il proprio cellulare dove in quel momento si sta verificando il fenomeno dell’aurora boreale a Kiruna e dintorni!

Soggiorni organizzati da tour operator italiani:

Il Diamante organizza viaggi a caccia di aurore boreali nella zona di Kiruna durante tutta la stagione invernale: 2 notti a Stoccolma e 2 a Kiruna con visita ad Aurora Sky Station e l’Icehotel.

1013millibar Europe: piccolo tour operator italiano con sede in Svezia che offre esclusivamente  viaggi a caccia di aurore boreali

FOTO: http://www.imagebank.sweden.se/search/?q=abisko

Foto Lapponia svedese: http://www.imagebank.sweden.se/search?q=lapland

 

In volo per ammirare l’aurora boreale

Un’esperienza unica è il volo notturno per ammirare l’aurora boreale. Un’avventura nei cieli per poter godere di questo spettacolo naturale dal miglior punto d’osservazione possibile. I voli sono organizzati per il secondo anno da Spaceport Sweden, un’iniziativa pionieristica per istituire il turismo spaziale in Svezia con sede a Kiruna, la principale città dello spazio d’Europa dal 1957. Si vola su un Jetstream32, si superano le nuvole quindi la possibilità di vedere l’aurora boreale è molto alta. La durata del volo è di circa 45 minuti per un’escursione che dura in totale tre ore. Il costo del volo è di 7.375 sek (circa 850 €), fino a 12 persone a volta. Le date prestabilite sono 13 gennaio, 3 febbraio e 3 marzo   2014, disponibilità per gruppi da settembre a marzo.  http://www.spaceportsweden.com/

Come si arriva: Voli per Kiruna via Stoccolma con la SAS o da Copenaghen e da Stoccolma con la Norwegian.

Fermata dell’autobus e terapia della luce in uno! ad Umeå, la capitale europea della cultura 2014

swedophile:

Ice Hotel in Jukkasjärvi, Sweden.