Il vento del Mare del Nord tra i capelli, paesaggi unici che scorrono lenti, una piacevole conversazione con un pescatore locale,una cena dal gusto genuino dell’astice appena pescata. Guardare per credere… e prenotare un safari all’astice in ‪#‎Svezia‬ occidentale!

Svezia: il buono (e strano) del Nord | GazzaGolosa »

image

Foto: Nicho Södling/imagebank.sweden.se

Fika – una parola che a noi italiani fa un po’ ridere, ma per gli svedesi è una faccenda seria. In Svezia la pausa caffè (“fika” sta appunto ad indicare questa) è quasi un’istituzione. Un rito che si ripete almeno una volta al giorno con colleghi, amici o parenti. Insieme si sorseggia del caffé e si mangiano delizie della pasticceria svedese.

 Per capire a fondo la cultura della pausa caffé in Svezia in generale e a Stoccolma in particolare vi spieghiamo due cosine da tenere a mente:

  1. Una tazza di caffé non basta. Il “contorno” è la parte più importante e il dolce più comune per accompagnare il caffé è la kanelbulle, la famosa girella alla cannella. C’è addirittura un giorno dedicato alla kanelbulle in Svezia, il 4 ottobre. Un altro dolce classico è la Prinsesstårta, “la torta principessa”, che troneggia con la sua copertura di marzapane verde. La Princesstårta è nata proprio nel quartiere più chic di Stoccolma: Östermalm.  
  2. La pausa caffé è sempre informale: un modo ideale quindi per imparare a conoscere nuove persone e ovviamente perfetta per il primo appuntamento romantico. 

Creatività, lavoro e fika

Come dicevamo la cultura della pausa caffè è molto radicata nella società svedese. Normalmente nei luoghi di lavoro, specialmente negli enti statali e settore terziario, ci si riunisce davanti ad una fumante tazza di caffè alle 10 e alle 15. Questo momento è particolarmente importante per lo scambio di idee e per nuova ispirazione.

image

foto: Lola Akinmade Åkerström/imagebank.sweden.se

Orientiamoci nella giungla delle caffetterie di Stoccolma

Stoccolma offre sia caffetterie di stampo classico che posticini alla moda e di nicchia. Ogni quartiere ha la sua special clientela:

I fashion victimsTures in Sturegallerian, Grev Turegatan 11, Östermalm: Una caffetteria molto gettonata dal sapore mediterraneo. D’estate c’è da sgomitare per un posto sul terrazzino

Gli hipsters di Södermalm Pom & Flora, Bondegatan 64, Södermalm: Questo è il posto per stare al passo con la moda e spiare le celebrità locali. Ovviamente il favoloso pane a lievitazione naturale si può anche comprare per uso quotidiano casalingo. 

Genitori con figli piccoli Vurma Kungsholmen, Polhemsgatan 15, Kungsholmen: Una caffetteria allegra e colorata, meta delle mamme e dei papà in congedo parentale. 

AdolescentiEspresso House: Questa catena popolare ha punti dislocati in diversi quartieri. Offre una vasta scelta di tutto ciò che ti viene in mente di ordinare per la pausa caffè. 

SeniorVetekatten, Kungsgatan 55, Norrmalm: Una delle più classiche caffetterie risalente agli anni ’20. lI loro dolce del martedì grasso, la semla, è stato premiato come il migliore della città per due anni di seguito. Vetekatten è divisa in due aree: c’è il forno con il loro pane succulento e pranzo da asporto, poi la caffetteria  vera e propria dove ci si può sedere per gustare le tradizionali delizie pasticcere. 

Uomini e donne d’affariWienercaféet, Biblioteksgatan 6-8, Östermalm: Con ispirazione da Parigi e Vienna, gli ospiti possono guardare dentro il laboratorio di pasticceria. La posizione centralissima attrae i businessmen, e women :-), della città. 

Cinque bar caldamente suggeriti per la pausa caffé

image

foto: Björn Tesch/imagebank.sweden.se

Kafé Esaias, Drottninggatan 102b, Vasastan: Premiata come la miglior caffetteria di Stoccolma. Servizio affabile, caffé eccellente, ottimo il pranzo e buonissimi canelés, la moda del momento, è la ricetta del suo successo.

Chokladfabriken, Renstiernas gata 12, Södermalm: Nessuno può rinunciare ad una visita qui, specialmente gli amanti del cioccolato. Chokladfabriken, con il cioccolato in tutte le forme, c’è anche a Vasastan e nella City. 

Kaffeverket, St: Eriksgatan 88, Vasastan: Una caffetteria con tutto quel che puoi desiderare: buon caffè (nella top ten della guida gastronomica svedese White Guide), arredi di design, panini favolosi e dolci da leccarsi i baffi.

Rosendal’s Garden Café, Rosendalsterrassen 12, Djurgården: Questa caffetteria si trova nell’isola verde di Djurgården dove ci sono importanti musei come il Vasa, il Nordiska, Skansen, l’ABBA Museum, nel bel mezzo del parco naturale urbano. Il focus di Rosendal è coltivazione biologica diretta nel giardino e nella serra della caffetteria, ottimo forno e cibo organico. Un’oasi naturale in pieno centro! 

KaffeSt Paulsgatan 17, Södermalm: Trendy, come tutto a Södermalm! Daniel Craig beveva il su caffé qui nella versione americana del film “Uomini che odiano le donne”.

Café Kaffekoppen, Stortorget 20, Gamla Stan: Questa caffetteria dall’atmosfera raccolta si trova in un palazzo del 1648 tra il Duomo di Stoccolma e il Palazzo Reale. Puoi sederti fuori oppure nella cantina dello spazio interno. 

image

foto: Jakob Fridholm/imagebank.sweden.se

Breve glossario della pausa caffé

  • Fikabröd – Prodotti da forno morbidi e dolci come cornetti, brioscine, girelle, ecc che accompagnano il caffé
  • Kanelbulle – La famosa girella alla cannella, celebrate il 4 ottobre
  •  “Sette tipi di dolcetti” – Una frase che si riferisce ad una vecchia usanza di far trovare agli ospiti almeno sette tipi di biscotti da accompagnare al caffè.   .
  • Brioscina del martedì grasso (semla– Purtroppo si trova solo nel periodo invernale (solitamente da metà gennaio a fine marzo), è una brioscina al profumo di cardamomo riempita di pasta di mandorle e panna. Tradizionalmente si mangia il martedì grasso.
  • Princesstårta – Una torta con base di pan di spagna con sopra panna, crema di vaniglia, confettura di fragole e ricoperta di una coltre di marzapane verde, solitamente decorate con un fiore di marzapane rosa. La ricetta originale è del 1948 e si chiama “Torta della Principessa” perché chi l’ha inventata era l’insegnante di economia della principessa, che adorava la torta.
  • La pausa caffé del venerdì – Alle ore 15:00 ogni venerdì in ogni ufficio svedese scatta l’ora della pausa caffé! I colleghi si ritrovano in sala riunioni o in cucina (non c’è ufficio che si rispetti senza cucina!) per bere un caffé e mangiare “fikabröd”. È anche un modo per parlare della settimana appena passata e per mettere a punto il programma per la prossima..
  • Latte mamma o papà – Il fenomeno è più conosciuto come “latte papà”, ma ci sono ovviamente anche le “latte mamma”. Chi sono? Genitori in congedo parentale (un anno per le donne, 6 mesi per gli uomini) che si svagano con altri genitori in congedo parentale nei bar e caffè delle città. Di solito hanno il biberon in una mano e un cappuccino nell’altra.

    image

foto: Susanne Walström/imagebank.sweden.se

  • Questo articolo è stato tradotto dall’ufficio italiano di VisitSweden e basato su un’intervista a Mia Öhrn, pasticcera, scrittrice di libri di cucina ed esperta della pausa caffè. Fonte: Stockholm Food Stories   



Stasera ci diamo sotto di gamberi svedesi crudi!
Buon appetito a tutti! ;)
#Svezia

Lo svedese Tommy Myllymäki supera tutti i delegati europei nella competizione degli chef Bocuse d’Or 2014

 image

 Foto: Le Fotographe

Lo chef svedese Tommy Myllymäki è stato incoronato “miglior chef d’Europa” vincendo la medaglia d’oro al Bocuse d’ Or Europe 2014, assegnata l’8 maggio scorso a Stoccolma.  La vittoria, che arriva in un momento in cui la gastronomia svedese riscuote grande successo sulla scena gastronomica mondiale, pone la Svezia in una posizione di leadership per la finale mondiale del concorso che si terrà a Lione nel 2015  

Con due piatti realizzati utilizzando i migliori ingredienti tutti di origine svedese - maialino di Gotland servito con tartufo e funghi, merluzzo carbonaro con cozze e ostriche - Tommy Myllymäki ha deliziato i 14 giudici con i suoi sapori innovativi. E non finisce qui: il podio, infatti, alla fine è stato tutto scandinavo: la Danimarca con Kenneth Hanse e la Norvegia, con Örjan Johannesson, si sono infatti aggiudicate rispettivamente i Bocuse d’argento e di bronzo.

image
Il piatto di carne di Myllymäki_Foto: Dennis Erixon                                     Foto: Le Fotographe

La competizione si è tenuta per la prima volta a Stoccolma, e tutti gli ingredienti, rigorosamente di provenienza locale, sono stati scelti dagli stessi organizzatori della manifestazione.

Vincere in casa ha reso l’evento ancora più speciale per Tommy Myllymäki, master chef del Ristorante Sjön a Jönköping (Svezia meridionale), che ha commentato: “Il maialino, nonostante sia un ingrediente fantastico era una vera sfida, ma oggi ogni cosa si è sistemata al posto giusto. E’ bello vincere dopo settimane di allenamento senza sosta e anche vincere l’oro proprio qui a casa, in Svezia.”

"La vittoria di Tommy e le sue incredibili pietanze è la prova che la gastronomia svedese si trova in questo momento a un livello estremamente elevato", ha dichiarato Mathias Dahlgren, presidente onorario del Bocuse d’Or Europe.

FOTO su Tommy Myllymäki e sui piatti creati durante Bocuse d’Or   

Tre nuovi ristoranti stellati in Svezia e nuova Guida Michelin Paesi Nordici

Nell’ultima edizione della Guida Michelin “Principali città europee 2014” la Svezia ha ricevuto 15 stelle. Oaxen Krog (chef Magnus Ek) e Operakällaren (chef Stefano Catenacci) a Stoccolma e Bhoga

(chef Niclas Yngvesson e Gustav Knutsson) a Göteborg hanno rispettivamente ottenuto una nuova stella.

L’anno scorso Operakällaren e Bhoga facevano parte della categoria “Rising Star”, “Astro nascente”, della Guida Michelin.

Sia Mathias Dahlgren Matsalen che Frantzén mantengono le loro due stelle.

 Novità: La casa editrice francese pubblica una nuova guida agli alberghi e ristoranti dedicata ai paesi nordici: “Guida Michelin Paesi Nordici”.

Per ulteriori informazioni sulla la scena gastronomica della Svezia e su mangiare a Stoccolma visitare www.tryswedish.com (nuovo sito !), www.visitsweden.come http://visitstockholm.com/it/Mangiare/ mentreper i dettagli sul Bocuse d’Or, visitare www.bocusedor.com

FOTO gastronomia svedese ad alta risoluzione senza password: http://www.imagebank.sweden.se/search/food+%26+drink

image

Foto: https://www.facebook.com/Meatballsforthepeople

C’è sempre un gran fermento nel mondo della ristorazione di Stoccolma. Ecco una selezione di luoghi di ristoro innovativi e di tendenza aperti di recente, focalizzati su piatti e gusti scandinavi.

LILLA EGO
Due degli chef più importanti e premiati della Svezia, Tom Sjöstedt e Daniel Rams, hanno aperto un nuovo ristorante di quartiere a Vasastan. Insieme offrono innovazioni culinarie dal carattere svedese, ingredienti di prima qualità, atmosfera accogliente e un tocco personale. Lussuoso ma di impatto leggero sul portafoglio.   Västmannagatan 69 

KÄK
Nuovo ristorante fast food che trae ispirazione datutto il mondo. A creare questo nuovo ristorante a Hornstull, sull’isola di Södermalm, è l’ artista svedese Petter, in compartecipazione con un noto duo della ristorazione Judit & Bertil.  L’ambizione è di servire il meglio di tutti i fast food da tutti gli angoli del mondo. Hornsbruksgatan 24  

MEATBALL: POLPETTE PER TUTTI
Pochi piatti sono così fortemente associati alla Svezia come le polpette di carne. Il noto gruppo aziendale Bockholms apre ora la sua ottava struttura a Stoccolma, questa volta a Södermalm. Come suggerisce il nome, tutto gira intorno alla polpetta, il classico svedese della cucina casalinga, preparato con gran varietà di ricette e ingredienti di prima qualità. Arte culinaria svedese autentica, condita con una generosa dose di amore.  Nytorgsgatan 30 

NALLE & KROPPKAKAN
Nuovo e accogliente ristorante a tema a Midsommarkransen, nel sud di Stoccolma. Qui si può gustare una cena a base di gnocchi di patate, un classico della cucina casalinga svedese, preparati in modo tradizionale, con burro fuso e marmellata di mirtilli rossi, ma anche in varianti più moderne. Perfetto per chi ama gli gnocchi di patate, ma anche per chi vuole provare un tipico piatto svedese, preparato con ingredienti selezionati e biologici. Svandammsvägen 41

TOLV STOCKHOLM
la Tele2 Arena, ultima arrivata tra le grandi strutture destinate ad eventi sportivi e concerti, situata nella Stockholm Globe City, nel sud di Stoccolma, vi è un’attrazione di 12.000 mq, da non perdere. Oltre agli spazi dedicati a sport, giochi, cultura e intrattenimenti vari ci sono anche alcuni locali particolari, come Prinz Matsal, con fabbrica di würstel, ma anche tanti altri piatti e buona birra, e Bistro&Bo, micro-hotel con cucina,  12 camere e sleeping-boxes.

image

Foto: Fredrik Broman/imagebank.sweden.se 

Nei giorni 7-8 maggio i migliori chef d’Europa si ritrovano a Stoccolma a rappresentare ognuno il proprio paese  nell’ambito dei campionati europei di cucina, Bocuse d’Or Europe 2014. Il concorso si svolge presso la Fiera Internazionale di Stoccolma in concomitanza con le fiere dedicate all’enogastronomia GastroNord e Vinnordic.

E’ la prima volta che il Bocuse d’Or Europe si svolge in Svezia.

- Ospitare il Bocuse d’Or, la più prestigiosa gara di cucina al mondo, è un riconoscimento del fatto che Stoccolma è diventata una città di primo piano in questo ambito. L’evento concorre ad attrarre sia visitatori che futuri investitori e rafforza l’immagine della città come destinazione gastronomica creativa, afferma Sten Nordin, sindaco di Stoccolma.

Per la prima volta si è pensato di far provenire le principali materie prime utilizzate nell’ambito del concorso dallo stesso paese ospitante. I partecipanti saranno tenuti a cucinare un piatto di pesce e un piatto di carne per 12 persone in cinque ore e 35 minuti. Le principali materie prime sia per la carne che per il pesce sono state decise dal Bocuse d’Or. La materia prima per il pesce è il merluzzo carbonaro della Nordsjöfisk, insieme alle ostriche di Grebbestad dei fratelli Klemming di Grebbestad e le cozze della Scanfjord di Mollösund sulla costa occidentale. Per la carne si è optato per il maialino svedese di Gotland.

image

 Foto: Fredrik Broman/imagebank.sweden.se

Mathias Dahlgren, campione svedese Bocuse d’Or 1997, e proprietario dell’omonimo ristorante due stelle Michelin di Stoccolma, è stato designato presidente onorario e responsabile del Bocuse d’Or Europe a Stoccolma. - Il nostro obiettivo è di realizzare una festa gastronomica in cui lo chef si trovi al centro. Si tratta anche di un’ottima opportunità per far conoscere le nostre materie prime tipiche svedesi, davvero uniche, afferma Mathias Dahlgren.

A partecipare saranno 20 paesi europei, di cui 12 proseguiranno col Bocuse d’ Or di Lione. Il candidato italiano concorre col numero 5 il 7 maggio mentre il candidato svedese Tommy Myllymäki concorre col numero 7 il giorno 8. I biglietti per il concorso saranno in vendita sul sito di Gastronord (fiera aperta solo al settore).

 image

Foto: lo chef Mathias Dahlgren -  Gastronomi Sverige/Per Erik Berglund

L’arrivo del Bocuse d’Or Europe a Stoccolma è indice del fatto che la Svezia è una delle regioni culinarie in ascesa in Europa. Il carattere davvero unico dal punto di vista geografico, con le sue 9 zone climatiche, è una vera e propria benedizione poiché si traduce in una serie diversificata di ingredienti genuini e naturali e una costa ancora intatta ricca di pesci e crostacei. Si è scelto di puntare a coniugare antiche tradizioni gastronomiche e ingredienti localiin chiave moderna, ottenendo in questo modo pietanze autentiche ed accessibili con influenze provenienti da tutto il mondo. 

FOTO su cibi e piatti svedesi da scaricare senza password: http://www.imagebank.sweden.se/search?q=food

Per informazioni sulla Svezia e la sua offerta gastronomica visitate http://www.visitsweden.com/svezia/Cose-da-fare-in-Svezia/Food—Drink/  

www.tryswedish.com 

http://www.visitstockholm.com/it/Mangiare/


Come ogni anno ecco puntuale il nostro magazine per scoprire le meraviglie della Svezia! 
Puoi scaricare, ordinare o sfogliare il magazine dal nostro sito.

Ecco l’indice degli argomenti, quale ti stuzzica di più?

04 Stoccolma − la metropoli sulle isole
10 Göteborg − la città sul mare
12 Malmö − la porta sul continente
14 L’anima gay della Svezia
18 Una tradizione creativa vivace e al passo
con i tempi
20 La natura − il patrimonio nazionale svedese
22 Safari svedese
24 Avventure rilassanti per il corpo e la mente
26 La magia degli arcipelaghi
27 Avventure svedesi secondo natura
30 Il miracolo della gastronomia svedese
− che cosa ci riserva il futuro?
36 Perle svedesi
38 Che cos’ha la Svezia di speciale?
40 Ritornare bambini!
42 Appunti di viaggio
44 Enti turistici regionali e locali
45 Tour Operator
46 Cartina

Try Swedish è un invito a provare le materie prime, le tradizioni, le innovazioni, i sapori, i profumi e i colori della gastronomia svedese, e magari farli anche un po’ nostri.

TrySwedish: una invitación a degustar y explorar la cultura culinaria de Suecia

Da cinque anni il ministro delle politiche agricole svedese ha messo a punto la sua visione della Svezia come “Nuova nazione culinaria”, con l’obbiettivo di far diventare la Svezia il miglior paese gastronomico nel 2020.

Questa visione non implica equiparare o diventare migliori dell’Italia o della Francia, ma è un impegno a migliorare i prodotti gastronomici svedesi partendo dai coltivatori, passando per i produttori ed infine i distributori e ristoratori per proporre esperienze gastronomiche che valgano la pena il viaggio. Si tratta di riscoprire tradizioni, di rivalutare materie prime perdute, migliorare la conosenza di ciò che mettiamo in tavola ed educare le persone, prima di tutto gli svedesi.

Una delle preoccupazioni principali di questo progetto è la salute. Prodotti salutari, la cura del bestiame, la qualità dei piatti cucinati nelle mense scolastiche, ricoveri per anziani ed ospedali. Le imprese agricole svedesi devono adeguarsi al consumatore moderno, più attento e consapevole.   

Incuriosito abbastanza? Leggi le storie che raccontano delle abitudini svedesi, le materie prime che non conoscevi e le ultime frontiere culinarie.
Prova la cucina svedese! Try Swedish!

image

 Foto:http://www.stylt.se/press-room/pharmarium-stockholm

La gastronomia svedese ottiene sempre più attenzione a livello internazionale e la prova di questo è stata la scelta della location per il World Food Travel Summit a Göteborg, un congresso dedicato al turismo mosso dal cibo, dal desiderio delle persone di visitare un posto, in primo luogo, per quello che vi potranno mangiare. La cucina regionale è la grande fonte ispiratrice per la nouvelle vague degli chef svedesi di talento. Essi combinano materie prime locali, di alta qualità, e metodi di preparazione tradizionali rivisitati in un approccio culinario moderno.

Un esempio per questo è il ristorante Lux (1 stella Michelin) che a settembre ha introdotto un concetto nuovo - Lux Dag för Dag - Lux giorno per giorno: ogni giorno Henrik Norström e la sua squadra creano un nuovo menù a partire dai migliori prodotti locali della giornata. Oltre al ristorante bistrot, dove il menù cambia quotidianamente, si è scelto di puntare sul “passeggio”, il banco direttamente collegato alla cucina, dove i passanti possono acquistare ingredienti freschi e piatti già pronti. Un locale più aperto e i prezzi più accessibili rispetto a prima consentono a un maggior numero di persone di sperimentare la maestria di Lux.  

Primusgatan 116, Lilla Essingen

Tom Sjöstedt e Daniel Räms, gli chef dell’anno rispettivamente del 2012 e del 2013, stanno aprendo un ristorante di quartiere moderno con cucina innovativa a prezzi accessibili con particolare attenzione alla cucina scandinava. Lilla Ego. Il ristorante avrà 55 posti a sedere e aprirà il 5 novembre nel quartiere Vasastan. Västmannagatan 69.     

Il nuovo “grand caffè” di Stoccolma, Wienercafeet, caffetteria in stile viennese con servizio ai tavoli, ha aperto il 20 settembre nell’esclusiva via Biblioteksgatan, quartiere di Östermalm. L’ispirazione viene direttamente da Parigi e da Vienna. Lo chef creativo è Daniel Lindeberg, già noto per il ristorante a due stelle Michelin Frantzen - Lindeberg, ora Restaurant Frantzén. Wienercafeet è stato fondato nel 1904 da un pasticcere austriaco e da allora è sempre rimasto allo stesso indirizzo, Biblioteksgatan 6-8.   

Il rinomato ristorante Stadshuskällaren presso il Municipio, uno delle principali attrazioni di Stoccolma e dove ha luogo il banchetto del Premio Nobel, ha ora nuovi proprietari che hanno introdotto un design completamente rinnovato per opera di uno dei più famosi designer svedesi, Jonas Bohlin, e un nuovo concetto di cibo ideato dal rinomato chef Andreas Hedlund. Il ristorante propone una cucina con radici nella cucina classica svedese in chiave moderna.    

Il cocktail bar Pharmarium, aperto da poco tempo nel centro storico Gamla Stan, presenta un nuovo concetto: ispirandosi alla prima farmacia della Svezia, che aprì al pubblico nel 1575 proprio nella stessa piazza, creare cocktail unici accompagnati a piatti di medie dimensioni a base di ingredienti di stagione ed erbe medicinali della tradizione. Piazza Stortorget 7     

7 – 10/11 Chi vuole curiosare tra prodotti e piatti svedesi può scegliere di visitare la città in occasione della fiera dedicata a cibo e bevande Mitt kök - La mia cucina, alla Fiera di Stoccolma. Nel ristorante e nel caffè interni verranno proposti dei menù preparati da alcuni dei grandi chef svedesi in occasione di questa fiera, come anche dei dolci su ricette di rinomati pasticceri. I visitatori avranno anche la possibilità di cucinare insieme ad alcuni dei grandi chef! Prenotazioni tramite il sito: http://stockholm.mittkokmassan.se/summary-in-english